Palinodia

In questa storia, non c’è nulla di vero: tu non andasti mai sulle navi compatte, agli spalti di Troia tu non giungesti mai.

Guerra ambientale giugno 12, 2008

Filed under: Articoli,Video — catcherintheriot @ 12:17 am
Tags: , , , , , ,

Da un po di giorni penso a quest’articolo. Avevo in mente di scrivere qualcosa che introducesse e descrivesse adeguatamente il problema “scie chimiche”, quelle lunghe scie rilasciate da alcuni aerei e che persistono anche per ore, modificando le condizioni meteorologiche della giornata. Avrei voluto scrivere di quei ricercatori che in molti stati europei (italia inclusa) e del nord America stanno conducendo indagini sulla composizione e gli effetti delle sostanze emesse. Non si tratta di un fenomeno nascosto o difficile da osservare, essendo ormai l’irrorazione praticamente quotidiana, eppure questa tematica nella considerazione comune è ritenuta una leggenda metropolitana.

Negli ultimi mesi infatti, dopo un silenzio assordante da parte dei media persino a fronte di interrogazioni parlamentari, si sono moltiplicati gli interventi di discredito da parte di sedicenti esperti (fra cui radazioni giornalistiche del calibro di “focus” e “Vojager”) che hanno intorbidito la questione, minimizzando e negando l’evidenza di un fenomeno osservabile quotidianamente. Purtroppo pochi guardano il cielo con curiosità e la consapevolezza di dover affrontare un pregiudizio così annichilente mi impone una panoramica sulla guerra ambientale.

(more…)

 

Nucleare si, nucleare no. Nucleare bum! marzo 7, 2008

Filed under: Articoli — catcherintheriot @ 11:16 pm
Tags: , , , ,

Un po di giorni fa ho sentito qualcuno dire che il più grande successo di veltroni è stato quello di far credere alla gente che il pd è un partito di sinistra. La battuta fa sorridere ma coglie nel segno il processo attualmente in corso in italia e già avanzato in molte altre “democrazie” occidentali. Ricordate cosa ha detto Tony Blair alla “winter university” di confindustria? O Napolitano in occasione della festa delle forze armate?

Se non avete voglia di cliccare sui link vi faccio un breve riassunto: destra e sinistra non esistono più, sono vecchi. Bisogna aprirsi al nuovo che, inevitabilmente, avanza: la globalizzazione, il nuovo ordine mondiale, l’unico pensiero autorizzato a modellare l’esistente. E per chi non si adatta o non ne è in grado, saranno cazzi amari.

(more…)

 

Eppur si muove… storia di un burattino. febbraio 26, 2008

Filed under: Articoli,Uncategorized — catcherintheriot @ 4:50 am
Tags: , , , , , ,

È opinione diffusa che questo governo non abbia concluso niente a causa “dell’ingovernabilità” e che questa è stata, ed è, il problema fondamentale. Questa percezione è prodotta da una combinazione di più elementi. Fra questi l’inflazione, che è considerata dai più un fenomeno incontrollato se non incontrollabile, e lo spostamento del dibattito collettivo sui canoni e i temi dal pettegolezzo. Abbiamo così paparazzi complottisti (ricordate il puttaniere Sircana?) per l’elettorato femminile, e squadre di calcio mafiose per quello maschile. Sui mezzi di inFORMAzione l’italia sembra essere diventata la patria degli squallidoni e dopo il colossal “Cogne” i sequel si susseguono con trame sempre più torbide. Di tutto pur di aumentare la sensazione catastrofista che serpeggia fra le persone.

Così, mentre la televisione ci mostra una ragazzina disperata chiedere ai suoi compatrioti di esporre l’italico vessillo, il governo, comodo nella sua condizione di moribondo, approva alle camere con una votazione trasversale il rifinanziamento delle 27 missioni militari all’estero. Missioni che impegnano 7.714 soldati e circa 1010 milioni di euro divisi principalmente fra Afghanistan: 2.290 soldati e, a vario titolo, circa 350 mln di spesa; Kosovo, Bosnia e Albania: 2.255 soldati per quasi 200 mln di euro ; Libano: 2.450 soldati e 300 mln di euro. Alcune di queste riguardano compiti di formazione di forze repressive, come in Congo o in Iraq, altre di frapposizione in guerre dai contorni poco chiari, come in Libano a Cipro o in Kosovo. Questo oltre il costo, per il 37% a carico dello stato italiano, delle 113 basi americane sul suolo nazionale.

In soli due anni di governo Prodi, la spesa bellica è aumentata del 24%, e le prospettive non sono pacifiche: sono stati finanziati progetti per armamenti (portaerei Conte di Cavour, 10 nuove fregate, 121 caccia Eurofighter F-35) con una spesa di molti miliardi di euro.

fonti:

grnet

Spoleto on line

http://www.pasti.org/basi.html